Torta di farina di castagne e cioccolato – Garfagnana Terra Unica e Comunità del Cibo

by Annarita Rossi

Mi è sempre piaciuto andarle acercare nel bosco, cadute a terra o ben allineate dentro “ricci” pungenti. Unapiccola fessura in quell’involucro spinoso da forzare con molta attenzione pernon bucarsi e dentro piccole e carnose uscivano le castagne. Amo il loro coloreautunnale, lucente, caldo di mille sfumature di marrone.

Se raccoglierle è sempre stato unmomento rilassante il rito delle mondine era pura poesia: da bambina ognicompito che mi veniva affidato dagli adulti era una prova di maturità, uncompito da affrontare per sentirmi grande e, scegliere le castagne migliori,quelle integre senza vermicello era uno di questi, il fuoco invece potevo sologuardarlo da distanza di sicurezza. Qualcuno portava la padella bucata dalmanico lungo per poter stare abbastanza lontani dalle fiamme, le castagneasciutte ben distribuite venivano cotte sul fuoco per un tempo imprecisato, aocchio, fino quando il guscio si era ritirato e diventava semi carbonizzato. Ilmomento più entusiasmante era vedere come con un gesto ripetitivo di grandeforza, l’addetto alle mondine le faceva saltare dentro la padella girandole senzaperderne nessuna, come un provetto chef. Arrivava poi il momento di sbucciarletogliendo il guscio bollente, facendole saltare da una mano all’altra per non bruciarsie cercando di lasciarle integre e nude. Le raccoglievamo nei piatti permangiarle, tutti tranne me. 
Non so come sia possibile ma, garfagnina da settegenerazioni, ho sempre odiato il sapore delle castagne, mondine, ballotte,tullore, farina di castagne e tutte le specialità realizzate con taliingredienti. Con gli anni mi sono riavvicinata gradatamente al loro sapore e,con molta sorpresa, ho capito che mescolando la farina di castagne ad esempiocon altre farine il gusto diventava davvero buono. Oggi non solo la mangio ma,ne ho sempre in dispensa. La farina di castagne garfagnina ha un sapore moltoricco, pungente e ne basta davvero poca per dare un sapore unico. La uso tuttol’anno, cercando sempre nuove ricette.
Anche con il biroldo antico sanguinaccio tipico della zona ho avuto una storia controversa ma allafine, la qualità di certi prodotti vince sui pregiudizi infantili. Per il farro,la mondiola, la farina di formenton 8 file, il miele, il formaggio pecorino, laricotta, la trota, il pane di patate, invece è sempre stato amore, ancor di piùoggi che ho potuto vedere da vicino la filiera che porta al prodotto finale. 
Anovembre sono stata ospite con altri blogger di Garfagnana Terra Unica unamanifestazione che riunisce tutte le eccellenze gastronomiche garfagnine in unasorta di local street-food, ogni borgo è presente con la propria specialità Careggine con la salsiccia,Torrite con la trippa, Palleroso con le frittelle e il “cacio”,Trassilico con il pane e biroldo, Gallicano con le fogacce leve, Cascio con lecrisciolette, Filicaia con il farro, Pieve Fosciana con il formenton 8 file,Vallico Sopra con la pitonca, Sillicano con i bomboloni, Villa Collemandina conla trota, Casatico-Vitoio con i necci, Gragnana con la patata, Castelnuovo conla porchetta, Castiglione con le tigelle, la Misericordia di Castelnuovo con lemondine, in più molto altri prodotti da acquistare come funghi secchi, miele,marmellate, castagne e tanto altro. Aspetto con ansia l’edizione 2018.
Nell’occasione con gli altri blogger abbiamo assistito al primo passo della Comunità del Cibo e Agrobiodiversità progetto gestito dall’Unione Comuni Garfagnana e finanziato nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale della Regione Toscana  in collaborazione con l’Università di Pisa, che si pone come obiettivo quello di migliorare il sistema alimentare a partire dalla valorizzazione delle produzioni locali, con particolare attenzione alla conservazione della biodiversità agroalimentare e degli ecosistemi. Questo al fine di incentivare e garantire a livello locale, uno sviluppo economico, culturale, sociale e ambientale armonico e rispettoso degli equilibri naturali.


150 g zucchero 
250 g ricotta fresca 
3 uova
50 g farina di castagne garfagnina 
250 g farina 
1 bustina di lievito per dolci 

100 g gocce di cioccolato  100 g di nocciole 

Lavorare le uova con lo zucchero fino a ottenere un composto gonfio. Mescolare la ricotta e aggiungere poco alla volta le farine setacciate e il lievito.  Unire le nocciole tritate e le gocce di cioccolato. Mescolare bene fino a ottenere un impasto omogeneo. Se dovesse risultare troppo denso aggiugere un gocio di latte.  Imburrare einfarinare uno stampo per ciambelle e versare il composto. Infornate a 180°C per 30 minuti circa, vale la prova stecchino. Sfornare e una volta freddo, spolverizzare conzucchero a velo.

1 commenta

Simona Nania 16 Aprile, 2018 - 5:47 pm

Avevo fatto anche io una torta farina di castagne e ricotta qualche anno fa, ricordo che mi era piaciuta molto. La tua è davvero bellissima!

Rispondi

Lascia un commento

Potrebbero piacerti anche:

Questo sito usa i coockie per migliorare la tua esperienza. Spero che per te sia ok, ma se desideri saperne di più.... Accetto Leggi altro